Stiamo cercando tra le nostre offerte

Loader Image

Escursione in barca all arcipelago di La Maddalena

L'itinerario naturalistico più conosciuto ed apprezzato lungo le coste settentrionali della Sardegna è quello delle isole dell'arcipelago di La Maddalena: una miriade di incantevoli isole delle quali sono raggiungibili anche in macchina soltanto quelle di La Maddalena e Caprera, collegate tra di loro tramite un ponte.

La partenza è a Palau, dove è possibile noleggiare un gommone oppure prenotare un posto in una delle tante motonavi ormeggiate al porto.

La prima tappa è all'isola di Spargi. L'attracco avviene presso il vecchio molo militare, a un passo da una delle cale più belle dell'intero arcipelago: Cala Corsara. La spiaggia è candida e finissima, incorniciata da rocce e vegetazione. Gli amanti delle passeggiate possono proseguire l'esplorazione al di là della spiaggia, nelle zone più vergini ed incontaminate dell'isola.

Lascita Cala Corsara la navigazione prosegue verso Cala Granara, Cala Soraya, Cala Connari e Cala Ferrigno, dalla quale si può raggiungere a piedi Cala Bonifazinca, piccola e incantevole. Oltrepassata quest'ultima e dirigendosi verso il monte è possibile raggiungere le vecchie batterie militari, che rappresentano un punto d'osservazione privilegiato verso tutto l'arcipelago.

Si riparte quindi alla volta di Budelli, che però è possibile visitare soltanto tenendosi a distanza con la barca in quanto l'isola è salvaguardata dai vincoli del Parco Naturale. Gli abili nuotatori possono comunque raggiungere la celeberrima Spiaggia Rosa, il cui colore è dovuto alla frammentazione dei gusci di varie specie marine.

Terminata la visita a Budelli, si percorre il canale compreso tra questa, Razzoli e Santa Maria, consciuto con il nome di Porto Madonna e ribattezzato Le Piscine, appellativo dovuto alla trasparenza e al celeste chiarissimo del mare. Si arriva quindi all'isola di Razzoli, che non possiede spiagge ma insenature rocciose di grande bellezza, tra cui Cala Lunga.

L'ultima tappa di questo itinerario è rappresentata dall'isola di Santa Maria, la più verdeggiante tra quelle dell'arcipelago. Raggiungibile dopo aver superato il Passo degli Asinelli, l'isola ospita la spiaggia omonima, grande, bianchissima, bagnata da acqua smeraldina e incorniciata da una vegetazione fitta di alberi e prati. Dirigendosi verso est si raggiunge Punta Filetto, con il suo faro ancora attivo che erge su una scogliera a picco sul mare.

L'escursione termina quindi con il ritorno al porto di Palau, momento in cui è possibile godere di uno sguardo d'insieme delle isole appena visitate.  

footer