Stiamo cercando tra le nostre offerte

Loader Image

Le 12 grotte turistiche della Sardegna

Forse non tutti sanno che la Sardegna è la regione italiana ad avere il maggior numero di grotte turisticamente accessibili: sono ben 12, infatti, i siti che ogni anno attirano decine di migliaia di visitatori da ogni parte d'Italia e del mondo. Alcune marine, altre di montagna, vi presentiamo qui le 12 grotte turistiche della Sardegna.
1. Grotta de Su Meraculu
Già il nome, la grotta del miracolo, allude alla bellezza del sito, impreziosito dalla magnifica spiaggia di Cala Sisine, nel territorio di Baunei. Concrezioni calcaree fantastiche, unite agli straordinari effetti di luce riflessa dalle superfici, rendono questa grotta una scenografia da cinema espressionista. Davvero particolare la cosiddetta Stanza del Tesoro, immersa in tonalità cromatiche rosse e grigie.
2. Grotta del Bue Marino
Deve il suo nome all'appellativo della foca monaca, che la abitava fino agli anni Settanta. Questa magnifica cavità, che si apre lungo la costa di Dorgali, ospita numerosi laghetti d'acqua dolce, divisi da spiaggette sabbiose e ricche di concrezioni. Il sito è raggiungibile soltanto via mare, con un battello, da diverse località del Golfo di Orosei.
3. Grotta del Fico
Questa cavità si apre nel bel mezzo di una scogliera a picco sul mare, nel territorio di Baunei, e deve il suo nome ad un fico cresciuto cresciuto sul suo ingresso. La presenza di stalattiti, stalagmiti e colonne permettono di godere di uno spettacolo incomparabile, esaltato dai giochi di luce e dalle trasparenze create nei suoi percorsi interni. Anche questa grotta, come la precedente, è raggiungibile soltanto via mare.
4. Grotta di Nettuno
È la più famosa della Sardegna. Si trova a Capo Caccia, un imponente promontorio nei pressi di Alghero. Colonne, arcate spettacolari e gallerie circondano piccoli laghi alimentati dal mare. Per raggiungere questa grotta avete due possibilità: via mare, imbarcandovi su uno traghetti delle compagnie private che partono da Alghero, oppure via terra attraverso i 654 gradini della spettacolare Escala del Cabirol.
5. Grotta Is Janas
Secondo una leggenda sarebbe stata la dimora di tre janas, personaggi mitologici considerati mezze fate e mezze streghe. Potete ammirare questo incantesimo della natura a Sadali, un piccolo paese di montagna dell'Ogliastra. La grotta è impreziosita dalla presenza di una fascinosa cascata, che forma un delizioso laghetto immerso in un boschetto.
6. Grotta Is Zuddas
Si trovano a Santadi, nella Sardegna sud-occidentale. È composta da diverse sale tra le quali spicca quella detta dell'organo, il cui nome è dovuto ad una colonna che ricorda un organo a canne: se doveste visitarla durante il periodo natalizio, potreste ammirare uno stupendo presepe allestito al suo interno.
7. Grotta di Ispinigoli
Questa magnifica grotta, in territorio di Dorgali, si contraddistingue per ospitare una delle colonne più imponenti a livello europeo, alta circa 38 metri. Per le particolari forme delle concrezioni e per gli spettacolari giochi di luce che si creano al suo interno, questa grotta trasporta il visitatore in un ambiente davvero singolare. Una delle particolarità di Ispinigoli è il cosiddetto “abisso delle vergini”, un profondo e stretto imbuto, aperto solo a speleologi esperti.
8. Grotta di San Giovanni
Questa suggestiva cavità, nei pressi di Domusnovas, ha una particolarità unica in Italia e rarissima nel mondo: all'interno della sua tortuosa e sinuosa galleria è presente una strada interamente carrozzabile che si sviluppa per tutta la sua lunghezza.
9. Grotta di Su Mannau
Queste grotte si trovano nei pressi di Fluminimaggiore e sono tra le più antiche del mondo. Suddivisa in due rami e articolata in diversi livelli, questa grotta presenta numerose concrezioni dalle forme più bizzarre e particolari. Oltre al percorso accessibile a tutti, ve n'è un altro che conduce alla meravigliosa Sala della Vergine, particolarmente apprezzata da chi ama la speleologia.
10. Grotta di San Michele
Questa grotta, nei pressi dell'abitato di Ozieri, sprofonda nel calcare per un'ottantina di metri ed è articolata in sale e cunicoli tapezzati di stalattiti. Utilizzata anticamente come abitazione, luogo di culto e necropoli, la grotta ha restituito numerosi reperti archeologici di grande interesse, attribuibili alla cosiddetta “cultura di Ozieri”, risalente al Neolitico finale.
11. Grotta di Su Marmuri
Questa spettacolare grotta si trova nei pressi di Ulassai, in Ogliastra, ed è considerata la più imponente di tutta l'Europa: la roccia calcarea, infatti, si annalza in alcuni tratti del percorso ad altezze vertiginose, arrivando a raggiungere anche i 70 metri. Anche la sua posizione e le sue dimensioni la rendono unica: la grotta, infatti, si apre a 880 metri di altitudine e si distende per ben 850 metri interamente visitabili.
12. Grotte di Sa Oche e Su Bentu
Nella splendida valle di Lanaittu, nel territorio di Oliena, vicino alla suggestiva fonte di Su Gologone e all'imponente complesso nuragico di Tiscali, si trovano queste due grotte particolari  i cui nomi (la voce e il vento), ricordano l'intenso rumore prodotto dai forti flussi d'aria generati dagli spostamenti d'acqua al suo interno. Le bocche delle grotte sono fortemente suggestive, oltre che per le “voci del vento”, anche per l'enorme bellezza del paesaggio circostante.

Forse non tutti sanno che la Sardegna è la regione italiana ad avere il maggior numero di grotte turisticamente accessibili: sono ben 12, infatti, i siti che ogni anno attirano decine di migliaia di visitatori da ogni parte d'Italia e del mondo. Alcune marine, altre di montagna, vi presentiamo qui le 12 grotte turistiche della Sardegna.

1. Grotta de Su Meraculu
Già il nome, la grotta del miracolo, allude alla bellezza del sito, impreziosito dalla magnifica spiaggia di Cala Sisine, nel territorio di Baunei. Concrezioni calcaree fantastiche, unite agli straordinari effetti di luce riflessa dalle superfici, rendono questa grotta una scenografia da cinema espressionista. Davvero particolare la cosiddetta Stanza del Tesoro, immersa in tonalità cromatiche rosse e grigie.

2. Grotta del Bue Marino
Deve il suo nome all'appellativo della foca monaca, che la abitava fino agli anni Settanta. Questa magnifica cavità, che si apre lungo la costa di Dorgali, ospita numerosi laghetti d'acqua dolce, divisi da spiaggette sabbiose e ricche di concrezioni. Il sito è raggiungibile soltanto via mare, con un battello, da diverse località del Golfo di Orosei.

3. Grotta del Fico
Questa cavità si apre nel bel mezzo di una scogliera a picco sul mare, nel territorio di Baunei, e deve il suo nome ad un fico cresciuto cresciuto sul suo ingresso. La presenza di stalattiti, stalagmiti e colonne permettono di godere di uno spettacolo incomparabile, esaltato dai giochi di luce e dalle trasparenze create nei suoi percorsi interni. Anche questa grotta, come la precedente, è raggiungibile soltanto via mare.

4. Grotta di Nettuno
È la più famosa della Sardegna. Si trova a Capo Caccia, un imponente promontorio nei pressi di Alghero. Colonne, arcate spettacolari e gallerie circondano piccoli laghi alimentati dal mare. Per raggiungere questa grotta avete due possibilità: via mare, imbarcandovi su uno traghetti delle compagnie private che partono da Alghero, oppure via terra attraverso i 654 gradini della spettacolare Escala del Cabirol.

5. Grotta Is Janas
Secondo una leggenda sarebbe stata la dimora di tre janas, personaggi mitologici considerati mezze fate e mezze streghe. Potete ammirare questo incantesimo della natura a Sadali, un piccolo paese di montagna dell'Ogliastra. La grotta è impreziosita dalla presenza di una fascinosa cascata, che forma un delizioso laghetto immerso in un boschetto.

6. Grotta Is Zuddas
Si trovano a Santadi, nella Sardegna sud-occidentale. È composta da diverse sale tra le quali spicca quella detta dell'organo, il cui nome è dovuto ad una colonna che ricorda un organo a canne: se doveste visitarla durante il periodo natalizio, potreste ammirare uno stupendo presepe allestito al suo interno.

7. Grotta di Ispinigoli
Questa magnifica grotta, in territorio di Dorgali, si contraddistingue per ospitare una delle colonne più imponenti a livello europeo, alta circa 38 metri. Per le particolari forme delle concrezioni e per gli spettacolari giochi di luce che si creano al suo interno, questa grotta trasporta il visitatore in un ambiente davvero singolare. Una delle particolarità di Ispinigoli è il cosiddetto “abisso delle vergini”, un profondo e stretto imbuto, aperto solo a speleologi esperti.

8. Grotta di San Giovanni
Questa suggestiva cavità, nei pressi di Domusnovas, ha una particolarità unica in Italia e rarissima nel mondo: all'interno della sua tortuosa e sinuosa galleria è presente una strada interamente carrozzabile che si sviluppa per tutta la sua lunghezza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

9. Grotta di Su Mannau
Queste grotte si trovano nei pressi di Fluminimaggiore e sono tra le più antiche del mondo. Suddivisa in due rami e articolata in diversi livelli, questa grotta presenta numerose concrezioni dalle forme più bizzarre e particolari. Oltre al percorso accessibile a tutti, ve n'è un altro che conduce alla meravigliosa Sala della Vergine, particolarmente apprezzata da chi ama la speleologia.

10. Grotta di San Michele
Questa grotta, nei pressi dell'abitato di Ozieri, sprofonda nel calcare per un'ottantina di metri ed è articolata in sale e cunicoli tapezzati di stalattiti. Utilizzata anticamente come abitazione, luogo di culto e necropoli, la grotta ha restituito numerosi reperti archeologici di grande interesse, attribuibili alla cosiddetta “cultura di Ozieri”, risalente al Neolitico finale.

11. Grotta di Su Marmuri
Questa spettacolare grotta si trova nei pressi di Ulassai, in Ogliastra, ed è considerata la più imponente di tutta l'Europa: la roccia calcarea, infatti, si annalza in alcuni tratti del percorso ad altezze vertiginose, arrivando a raggiungere anche i 70 metri. Anche la sua posizione e le sue dimensioni la rendono unica: la grotta, infatti, si apre a 880 metri di altitudine e si distende per ben 850 metri interamente visitabili.

12. Grotte di Sa Oche e Su Bentu
Nella splendida valle di Lanaittu, nel territorio di Oliena, vicino alla suggestiva fonte di Su Gologone e all'imponente complesso nuragico di Tiscali, si trovano queste due grotte particolari  i cui nomi (la voce e il vento), ricordano l'intenso rumore prodotto dai forti flussi d'aria generati dagli spostamenti d'acqua al suo interno. Le bocche delle grotte sono fortemente suggestive, oltre che per le “voci del vento”, anche per l'enorme bellezza del paesaggio circostante.

 

 

Facebook Twitter Google LinkedIn Email
footer